HT plasma Stories

Design GLOW: Intervista agli ideatori del concept prodotto

In questo articolo, continuiamo a scoprire il dietro le quinte di HT Plasma e, in particolare, del  Design GLOW. Dal reparto Ricerca & Sviluppo, al reparto concept & design, passando per quello comunicazione, capiremo come una startup innovativa, tutta italiana, punta a rivoluzionare l’igienizzazione delle mani, uno dei metodi di prevenzione più importanti in questi anni di pandemia. 

Abbiamo incontrato Ivan Fiorin, industrial product designer, tra gli ideatori del concept di GLOW, e ci ha parlato del prodotto e di come lavora un’azienda di design radicata nel territorio ma con contatti e collaborazioni internazionali. 

Siamo stati contattati da HT Plasma in quanto Emo design negli anni ha saputo costruirsi un’esperienza solida nell’ambito del design di prodotto e quindi aveva le caratteristiche evidentemente adatte per accompagnare passo dopo passo l’azienda verso un risultato concreto.  

Siamo rimasti, fin da subito, incuriositi dal tipo di progetto proposto e abbiamo ritenuto potesse essere una buona occasione per metterci alla prova ancora una volta. 

Ivan Fiorin-Industria Product Designer

Come funziona il lavoro di un designer industriale/product designer?  

Un designer di prodotto ha il compito di generare un’idea e renderla fruibile. Se volessimo fare un’analogia, il lavoro in sostanza è molto simile a quello di un sarto.  

Anche lui deve capire le esigenze del cliente, intercettare i trend attuali e futuri, e creare un abito non solo appetibile dal punto di vista estetico ma che sia anche comodo e facile da indossare.  

Nel nostro caso, l’abito diventa un prodotto di consumo che possiamo ritrovare nel nostro quotidiano, che sia uno spazzolino per i denti o una stufa a pellet. 

Design Glow: le fasi della creazione prodotto

Quali sono le fasi che hanno portato alla creazione del concept? e  come si fa a dare vita ad un prodotto che esiste solo nelle idee di ricercatori e scienziati? 

Nel caso specifico di Glow per noi era importante innanzitutto capire quali erano le criticità e le opportunità sul piano esperienziale, in quanto Glow prevede un contatto diretto con la persona durante tutta la fase di igienizzazione.  

Abbiamo lavorato quindi fin dall’inizio per rendere l’utilizzo del prodotto il più piacevole e semplice possibile, analizzando le varie fasi di interazione e capendo come altri prodotti già esistenti nel mercato si comportavano con situazioni analoghe.  

Questo ci ha permesso di creare una serie di idee che sono poi state tradotte in diverse proposte estetiche, partendo da semplici disegni su carta fino ad arrivare a dei modelli 3d realizzati al computer. 

Design GLOW: il processo di igienizzazione 

La forma ed il Design GLOW ha certamente inciso sul suo utilizzo. Ecco perché, è bene ribadire come avviene il processo di igienizzazione e come il suo design ha reso unica l’esperienza di utilizzo di questo dispositivo. 

  • Facile. Glow è un dispositivo compatto e di design, dall’uso facile ed intuitivo. Basta alimentarlo ad una presa di corrente e non avrai più problemi di batterie che si scaricano. 
  • Veloce. In pochi secondi Glow garantisce una sanificazione fino al 99,9% da virus, funghi e batteri non solo sulla pelle ma anche dello spazio sotto le unghie, dove spesso i virus si depositano. 
  • Sicuro. Il processo di disinfezione si conclude automaticamente lasciando le mani perfettamente asciutte e protette sperimentando una user-experience senza precedenti. 

Fornire una soluzione esteticamente accattivante quanto è stato importante per il Design GLOW? Quanto incide l’aspetto estetico per un prodotto che deve essere di pubblica utilità? 

È sicuramente molto importante fornire un certo “appeal” estetico al prodotto, ancor di più forse è bilanciare il suo design in modo che non risulti troppo invasivo una volta collocato nel luogo di utilizzo e che coniughi intenti a volte opposti tra loro. 

Nel caso di Glow, per esempio, volevamo un oggetto che fosse iconico e che comunicasse la tecnologia innovativa al suo interno ma, allo stesso tempo, che trasmettesse affidabilità e fosse accomodante se collocato in ambienti diversi. 

Leggi anche: Faq su GLOW: tutto quello che si chiede chi lo prova 

I vantaggi di GLOW:  

  • Igienizzazione garantita 
  • Innovativo: tecnologia non thermal plasma 
  • Nessuna spesa ricorsiva o manutenzione 
  • Estrema facilità di utilizzo, basta una presa di corrente 
  • Zero impatto ambientale 
  • Realizzato con materiali riciclati 
  • Bassissimo consumo elettrico per generare il plasma freddo

Quali sono i materiali che avete scelto per la realizzazione del DESIGN GLOW? 

Abbiamo utilizzato principalmente delle lastre piegate in alluminio, in quanto questo materiale permette di avere un prodotto solido e duraturo nel tempo, ma anche conveniente dal punto di vista manifatturiero.  

L’altro materiale che ritroviamo nel prodotto è il policarbonato nella parte frontale che oltre a caratterizzarne il design ci ha permesso di inserire un’interfaccia luminosa “a scomparsa” per preservare una certa pulizia estetica dell’oggetto. 

Design GLOW: certificazioni e innovazione made in Italy 

Glow è stato pensato, progettato e prodotto interamente in Italia nel rispetto di tutte le normative vigenti. In particolar modo risulta: 

  • Testato presso i laboratori di Medicina Molecolare dell’Università di Padova, centro di ricerca in prima linea nel combattere la diffusione del Covid19. 
  • Depositato il brevetto industriale innovativo e tecnologico presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi 
  • Marchiato CE: Prodotti conformi in ogni singolo processo di produzione e lavorazione alle direttive Europee 
  • Testato con prove di compatibilità elettromagnetica (EMC) 
  • Conforme alla direttiva low voltage directive (LVD) 

Ci sono stati diverse varianti di GLOW prima di raggiungere la versione definitiva? 

Si, chiaramente è stato un percorso step by step, per Glow dopo una prima fase di esplorazione creativa più ampia, siamo arrivati a definire due direzioni progettuali ben definite e opposte tra loro.  

Da qui in poi si è trattato solo di capire quale delle due direzioni fosse quella più adatta ai fini del progetto, sviluppando passo dopo passo con il team di HT plasma i cambiamenti necessari per migliorare il design di Glow. 

Ringraziamo Ivan Fiorin ed Emo Design per aver saputo interpretare i nostri desideri con un concept accattivante e ricercato ma al tempo stesso estremamente intuitivo. 

Promuovere l’italianità, l’innovazione e la sostenibilità ambientale è il driver della nostra azienda, sin dal primo giorno.  

FAQ su GLOW: tutto quello che ci chiede chi lo prova

HT Plasma ha deciso di rispondere alle maggiori FAQ su GLOW. Ogni giorno la nostra mail, oltre che i box dei nostri social, sono piene di richieste e domande su GLOW, sul suo funzionamento e su tutti i dettagli relativi all’igienizzazione mani con il plasma freddo.

HT Plasma ha deciso, quindi, di rivolgersi agli utilizzatori finali del dispositivo, ovvero tutte le persone che vogliono sapere come igienizzare le mani senza disinfettanti.

Molti di loro vogliono sapere come evitare gli sprechi di gel, non inquinare ed evitare fastidiose dermatiti da eccessivo uso di alcol.

Ecco perché, in questo articolo, abbiamo raccolto una lista di domande comuni, in modo da ottenere la giusta risposta o consiglio direttamente da chi GLOW lo ha creato.

Tutte le FAQ su GLOW

Una serie di risposte veloci ma esaustive che chiariscono i dubbi sul dispositivo e servono a far conoscere meglio la Non Thermal Plasma Technology, che è alla base di questo rivoluzionario prodotto.

Che cos’è il plasma freddo e cosa lo rende efficace per la disinfezione?

Il plasma è un gas composto da particelle come ioni ed elettroni che sono elettricamente cariche, questo le rende libere di muoversi. Conosciuto come “quarto stato della materia“, il plasma presenta caratteristiche interessanti in ambito sanificazione e disinfezione.

Quando un solido viene riscaldato, si trasforma in liquido e poi da liquido in gas. Se viene applicata una quantità sufficiente di energia al gas, diventa un gas ionizzato noto come plasma, che rappresenta il quarto stato fondamentale della materia.

Ricerca Disinfection and Sterilization Using Plasma Technology: Fundamentals and Future Perspectives for Biological Applications

Il plasma freddo, nello specifico, presenta elettroni e ioni a temperature molto diverse tra loro. Non essendo ad elevate temperature è possibile utilizzarlo con tutte le sue caratteristiche. Esiste, infatti, una Non Thermal Plasma Technology (tecnologia al plasma freddo).

Tra le proprietà più importanti del plasma freddo vi è quella antimicrobica. Infatti, può essere utilizzato per sterilizzare e annientare microrganismi nell’acqua e sulle superfici. Il plasma freddo previene le infezioni agendo direttamente sul metabolismo di virus e batteri, eliminandoli ed impedendo loro di riprodursi.

Per approfondire leggi Cos’è il plasma freddo e perché dovresti saperlo

Nello specifico, GLOW produce plasma freddo all’interno della camera di generazione, utilizzando l’aria circostante. Questa viene ionizzata, dando vita al plasma freddo, che verrà,  immesso nella camera igienizzante dove sono presenti le mani dell’utilizzatore.

GLOW può essere usato su mani screpolate o con lesioni?

Assolutamente sì.
Per ciò che riguarda l’interazione con le cellule umane, il plasma freddo stimola e riattiva il metabolismo cellulare. Questo significa che è un biostimolante e che aiuta le cellule a rigenerarsi e ripararsi. In molti casi, viene utilizzato nel trattamento da ustioni della pelle, proprio perché stimola la rigenerazione dei tessuti danneggiati. Non producendo calore, né radiazioni UV può essere utilizzato quotidianamente sulla cute senza causare alcun tipo di danno.

Cosa prova che GLOW funziona?

Dal punto di vista scientifico, come afferma la ricerca Plasma Freddo, una nuova speranza nell’inattivazione dei virus, la sua efficacia è ormai nota in ambito sanificazione, tanto che lo si sta testando su virus molto resistenti, in alcuni casi mortali, come HIV (responsabile dell’AIDS) e HPV (Papilloma virus).

In Italia, GLOW è stato testato presso l’Università di Padova, da un team di specialisti, anche loro per mesi in prima linea nella lotta contro il Covid-19.

I ricercatori del dipartimento di Medicina Molecolare dell’UniPd hanno testato e appurato il potere antimicrobico del plasma freddo, efficace fino al 99,9% contro virus e batteri, nell’aria e sulle superfici.

Per quanto riguarda GLOW ci sono diverse certificazioni e riconoscimenti che ne attestano l’efficacia in modo comprovato:

  • Depositato il brevetto industriale innovativo e tecnologico presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi
  • Marchiato CE: Prodotti conformi in produzione e lavorazione alle direttive Europee
  • Testato con prove di compatibilità elettromagnetica (EMC)
  • Conforme alla direttiva low voltage directive (LVD)

Vengono prodotte sostanze tossiche durante la generazione del plasma?

Assolutamente no.

Come detto, questa tecnologia non utilizza prodotti chimici e non ha alcun impatto sulla salute degli utenti, né sull’ambiente. Ecco perché il plasma freddo e GLOW sono approcci completamente nuovi per l’igienizzazione mani e per diminuire il problema dell’inquinamento da sostanze chimiche e da plastica.

Leggi anche Disinfettanti ed igienizzanti mani: vantaggi e rischi per uomo e ambiente.

Il plasma, come detto nei precedenti articoli, esiste in natura da sempre, basti pensare all’aurora boreale, visibile a certe latitudini. Soltanto di recente, però, è stato possibile riprodurlo in laboratorio. Le sue caratteristiche fisiche e chimiche lo rendono ideale per essere impiegato in vari settori, quello della sanificazione con il plasma freddo è uno dei principali.

Tutte attività che, al momento, contemplano l’utilizzo di prodotti chimici, potenzialmente inquinanti per l’ambiente.

Come faccio a far funzionare GLOW?

Il funzionamento di GLOW è molto semplice ed intuitivo.

Come dal video sopra riportato, basta eseguire poche semplici operazioni:

  • Bisogna inserire entrambe le mani nello spazio dedicato all’igienizzazione,
  • La luce viola si accenderà, dando l’avvio al processo di sanificazione delle mani
  • Durante l’erogazione del gas ionizzato, si percepirà una leggera corrente di aria.
  • Quando avverrà lo spegnimento della luce , sarà il segnale della completa igienizzazione.
  • Sarà, quindi, possibile estrarre le mani

Glow sanifica anche gli spazi sotto le unghie, dove spesso i virus sono presenti in grande quantità, essendo una parte difficile da pulire abitualmente.

Tra le FAQ su GLOW più ricorrenti, troviamo quelle riguardo il consumo e il suo utilizzo.

Quanta corrente consuma il dispositivo?

GLOW è un dispositivo che punta alla sostenibilità e ai bassi consumi, punto cardine di HT Plasma. Il consumo del dispositivo è, pertanto, minimo: tra i 20-30 W in funzione e 0.5W in stand-by.

Basta collegarlo ad una normale presa di corrente a 220v.

Cosa succede se GLOW smette di funzionare?

Il dispositivo ha un’ottima autonomia e resistenza elettrica, frutto di prove e test effettuati nel periodo di sperimentazione ed ingegnerizzazione del dispositivo.

Tuttavia, nel caso di malfunzionamenti, l’assistenza HT Plasma è pronta ad intervenire.

Qual è la sensazione che il gas ionizzato lascia sulle mani?

Non c’è alcun residuo o sensazione di unto o umido. GLOW eroga un getto d’aria che si percepisce all’interno della camera igienizzante in cui si trovano le mani.

Una volta terminata l’erogazione, sulle mani non rimane alcuna sensazione fastidiosa come avviene, invece, con alcuni gel o spray disinfettanti per le mani di natura chimica.

Le FAQ su GLOW più frequenti

Dove posso acquistare GLOW?

Il dispositivo GLOW è acquistabile previo contatto con HT Plasma, che produce e commercializza il dispositivo in tutta Italia. Per informazioni e preventivi, clicca qui.

Hai un hotel o un’attività commerciale? Vieni a vedere come GLOW può risolvere i tuoi problemi di igienizzazione mani.

Perché il dispositivo è più efficiente, sostenibile e delicato sulla pelle rispetto ai tradizionali disinfettanti per le mani?

Abbiamo spiegato, in tanti articoli di questo blog, come siano diversi i vantaggi di questa innovativa tecnologia al plasma freddo per igienizzare e contribuire alla prevenzione antimicrobica. Eccoli riassunti i maggiori vantaggi di GLOW:

  • Non contiene prodotti chimici o additivi. Il risultato è una sensazione di pulito, priva di odore.
  • Ha un’efficacia maggiore contro la tenace resistenza di batteri come  lo stafilococco.
  • Funziona automaticamente in breve tempo
  • Non sporca e non ha bisogno di essere pulito dopo ogni utilizzo
  • Non produce sostanze di scarto di nessun tipo
  • Totalmente sicuro per l’uomo e l’ambiente
  • I tempi di trattamento sono brevi

Questo elenco di FAQ su GLOW sarà sempre aggiornato in base all’user experience del dispositivo.

HT Plasma: intervista al CEO, Dott. Andrea De Masi

Iniziamo a conoscere il team che sta dietro HT PLASMA e il suo prodotto GLOW. Dal reparto Ricerca & Sviluppo, al reparto concept & design, passando per quello comunicazione, capiremo come una startup innovativa, tutta italiana, punta a rivoluzionare il modo di concepire l’igiene delle mani, uno dei metodi di prevenzione più importanti in questi anni di pandemia.

Abbiamo incontrato il Dott. Andrea De Masi, esperto in Ingegneria Informatica e Biomedica con esperienza nel campo delle certificazioni di dispositivi medici al plasma e presidente del CDA di HT Plasma.

Andrea De Masi, insieme agli altri soci di HT Plasma, ci svelerà in una serie di interviste tutto quello che c’è da sapere su GLOW. I valori e gli obiettivi e quali benefici può portare alla comunità l’igienizzazione delle mani con il plasma freddo.

L’idea è stata presentata e premiata nella sua categoria, innovazione industriale, nell’edizione 2020 di StartCup Veneto, competizione finalizzata a premiare idee imprenditoriali e realizzata dalle Università di Verona, Padova, e IUAV di Venezia.

Dott. De Masi
Andrea-De-Masi-ht-plasma

Dott. De Masi, come e quando nasce l’idea di utilizzare il plasma freddo per l’igienizzazione delle mani. Come nasce GLOW, insomma?

Ho iniziato a conoscere la tecnologia del plasma freddo durante il mio percorso di studi in Ingegneria Biomedica grazie ad una intensa collaborazione con un gruppo di fisici del plasma e microbiologici con i quali si è studiato lo sviluppo di un dispositivo medico che sfruttasse la medesima tecnologia. Dopo alcuni mesi con l’arrivo della pandemia che, in poche settimane, ha cambiato radicalmente le abitudini e il modo di interagire di ognuno di noi, si è pensato di studiare le potenzialità del plasma freddo per combattere la diffusione interumana dei virus. Da qui l’idea di realizzare un dispositivo innovativo per l’igienizzazione delle mani, successivamente chiamato Glow.

Quando e come vi siete resi conto che quello che avevate pensato si poteva realizzare concretamente?

Oltre lo studio teorico molto soddisfacente che ha immediatamente sostenuto la nostra ipotesi di poter combattere la diffusione dei virus grazie alla tecnologia del plasma freddo, affinché l’idea divenisse realtà è stato necessario l’aiuto di un’azienda esperta in sviluppo di dispositivi hi-tech, che oltre a credere nel progetto ci ha permesso di trasformare l’idea di laboratorio in un dispositivo concreto.

Pensa che si possa fare un lavoro di istruzione a largo raggio circa questa tecnologia innovativa? Farla conoscere, insomma, al grande pubblico e farla uscire dal mondo biomedico?

Nell’ultimo periodo la tecnologia al plasma freddo è al centro di numerosi studi in diversi ambiti, non solo medico. Con la pandemia anche il grande pubblico ha iniziato a conoscere sempre più questa tecnologia e numerosi sono, ad esempio i dispositivi per la sanificazione dell’aria in commercio. La strada è ancora lunga per GLOW, ma è necessario investire nell’innovazione, soprattutto ecosostenibile.

GLOW, come detto, è stato testato presso il dipartimento di Medicina Molecolare all’Università di Padova, centro di ricerca in prima linea contro il Covid-19.

Leggi anche Plasma freddo e sanificazione e scopri come in una scuola romana utilizzano questa tecnologia per sanificare.

Quali sono gli scopi che hanno animato la creazione di un dispositivo che igienizza le mani con il plasma freddo?

Innanzitutto gli studi svolti sul plasma freddo hanno dimostrato un’elevata capacità di interagire con le strutture più esterne di virus, batteri e funghi inattivandoli e bloccando la loro diffusione.

Inoltre, la pandemia ha messo in risalto l’inadeguatezza degli strumenti a nostra disposizione, fin da subito i gel igienizzanti erano irreperibili e il loro utilizzo prolungato ha fatto registrare un incremento dell’uso di plastica monouso complessa da smaltire. Da qui l’esigenza di scoprire un metodo innovativo, sicuro e senza effetti collaterali.

GLOW nasce proprio per rispondere all’esigenza di igienizzazione mani contro virus e batteri, senza avere risvolti negativi sull’ambiente e senza soluzioni chimiche che possono inquinare o creare dermatiti a lungo andare.

Prevenzione, sostenibilità e sicurezza sono le parole chiave che guidano dal primo giorno il nostro lavoro in HT Plasma.

I vantaggi di GLOW sono:

Quali sono i valori che muovono HT Plasma e su cui si dovrebbe puntare, secondo voi, in futuro? 

HT Plasma è nata come start up innovativa e in quanto tale tutti i progetti futuri saranno caratterizzati da un elevato valore innovativo e tecnologico. In particolare, poniamo attenzione all’ambiente con prodotti ecosostenibili e infine senza dimenticare lo stile del made in Italy, anche il design ha un suo perché nel nostro prodotto.

La versatilità di GLOW, in effetti, permette di averlo in qualsiasi contesto lavorativo: dagli uffici pubblici e privati, alle cucine di ristoranti e grandi alberghi, dalle Hall ai musei, senza dimenticare piscine, palestre, boutique e gioiellerie. Ecco le domande di tutti coloro che hanno usato GLOW.

Inoltre, in ambiente biomedico come ambulatori, cliniche private, residenze socio-assistenziali. Questi contesti sono tutti potenziali luoghi di diffusione di virus e batteri. Per approfondire leggi Come igienizzare le mani nei luoghi di lavoro.

Vieni a scoprire Glow, il dispositivo HT Plasma che igienizza le mani con il plasma freddo. Guarda come può essere utile a te ed alla tua attività.

Quali sono le successive applicazioni alle quali state lavorando?

Il reparto di R&D di HT Plasma continua a lavorare sulla tecnologia del plasma freddo per diverse applicazioni. Uno dei campi che stiamo testando è quello della sanificazione di piccoli oggetti di uso quotidiano e non solo.

L’obiettivo è quello di portare l’uso del gas ionizzato, del plasma freddo, quindi, fuori dall’ambiente prettamente medico, dove già si utilizza come sterilizzatore.

In HT Plasma, crediamo che avere un dispositivo dall’efficacia sicura e dalla facilità d’uso aiuterà molti ad essere più attenti all’igienizzazione delle mani, primo baluardo della prevenzione.

Una notizia molto interessante che apre diversi scenari per la sanificazione di oggetti su cui, come abbiamo visto nei precedenti articoli, possono resistere i virus per un tempo più o meno variabile.

HT Plasma si pone come un’azienda innovativa che vuole puntare sull’italianità e sulla sostenibilità ambientale.

GLOW: come nasce, cos’è e come funziona

GLOW nasce dall’intuizione di HT Plasma che, grazie alla tecnologia al plasma freddo, ha messo in commercio questo rivoluzionario dispositivo per l’igienizzazione delle mani. Il potere antimicrobico del plasma freddo è, infatti, da diversi anni, utilizzato in ambienti medico-chirurgici per la sanificazione.

Negli ultimi anni, abbiamo imparato a conoscere bene virus e batteri, oltre alle varie forme di prevenzione. Proprio una di queste, ovvero curare l’igiene delle mani, è diventata uno strumento indispensabile per prevenire la trasmissione di influenza e altri virus.

Ed è proprio qui che entra in gioco questo dispositivo per la sanificazione delle mani.

In questo articolo, quindi, parleremo di GLOW, come funziona, come può essere impiegato e del perché può essere una soluzione efficace e sostenibile sia per l’ambiente, sia a livello economico. 

Un dispositivo a zero sprechi che lascia le mani asciutte e garantisce una igienizzazione efficace contro virus, funghi e batteri.

Come funziona GLOW

GLOW si basa su una tecnologia sviluppata per anni nel campo della ricerca, integrando diverse componenti come la fisica, l’ingegneristica e la microbiologia.

Il plasma, quarto stato della materia, si ottiene portando ad alte temperature gas inerti, o anche semplicemente l’aria.

Il plasma freddo, detto così perché ioni ed elettroni che lo compongono hanno temperature diverse tra loro, viene generato all’interno del dispositivo, applicando tensione elettrica a bassa carica all’aria circostante che viene, quindi, ionizzata.

Questo processo conferisce al plasma appena generato proprietà che interagiscono con gli organismi che lo circondano. Infatti, da una parte ha un’azione riparatrice e biostimolante per le cellule epiteliali dell’uomo, tanto che è utile nel curare ustioni anche gravi; dall’altra è un potente antimicrobico.

Negli anni, infatti, è stato dimostrato come il Non thermal Plasma sia capace di annientare microrganismi e virus. Il plasma interagisce con le cellule microbiche, causandone la morte e impedendone la riproduzione. Infatti, come detto, è uno dei migliori sterilizzatori in campo medico ed ortodontico.

Video Presentazione Glow

Come utilizzare GLOW

Riguardo al funzionamento, come detto, è molto semplice ed intuitivo. Bisogna:

  • Inserire entrambe le mani nell’apposito spazio igienizzante
  • L’accensione della luce darà avvio al processo di igienizzazione
  • Attendere lo spegnimento della luminescenza che indicherà il completamento dell’igienizzazione
  • Durante l’erogazione, si percepisce una debole corrente di aria.

In modo pulito, rapido e chiaro, Glow sanifica non solo la pelle delle mani, ma anche gli spazi sotto le unghie, dove spesso i virus si annidano.

GLOW: la storia e l’idea

HT Plasma nasce con l’idea di sviluppare, produrre e commercializzare una soluzione innovativa per l’igienizzazione delle mani da virus, batteri e funghi. Il COVID scoppiato nell’inverno 2019 ha dato il via al progetto GLOW.

La tecnologia al plasma freddo, come detto, sfrutta il potere antimicrobico del gas ionizzato ricco di ioni, elettroni ad azione antimicrobica. Da subito è apparsa come una rivoluzione rispetto a tutte le soluzioni di igienizzazione sul mercato.

La prima ondata della pandemia da COVID-19, tra febbraio e aprile 2020, ha accelerato il processo di ideazione del concept di GLOW, concretizzatosi poi con l’unione di intenti dei diversi soci, che incarnano le 3 anime dell’azienda: l’area R&D (research and development), l’area ingegneristica e l’area comunicazione e marketing.

Gli obiettivi di GLOW

GLOW si pone l’obiettivo di diventare un punto di riferimento per l’igienizzazione mani, anche dopo la pandemia, poiché le infezioni da virus e batteri sono sempre più frequenti nel mondo attuale.

Inoltre, GLOW nasce come dispositivo 100% green. Non crea scarti di nessun genere, ha un impatto ambientale quasi nullo (consuma tra i 20 e 30 W in funzione) ed è realizzato con materiali da riciclo. 

L’utilizzo di GLOW su larga scala limiterebbe il consumo di disinfettanti chimici, della plastica dei loro contenitori o di soluzioni usa e getta difficili da smaltire, come guanti e salviette.

Altro obiettivo fondamentale di GLOW è quello di portare l’utilizzo del gas ionizzato nella vita di tutti i giorni. In ambiente scientifico e tecnico, il plasma freddo trova diverse applicazioni, soprattutto, nel campo della sanificazione e della sterilizzazione.

Riconoscimenti

L’idea di GLOW è stata presentata e premiata nella categoria “Innovazione industriale”, nell’edizione 2020 di StartCup Veneto, competizione finalizzata a premiare idee imprenditoriali e realizzata dalle Università di Verona, Padova, e IUAV di Venezia.

Cos’è GLOW

GLOW, come detto, è un dispositivo che tramite il potere antimicrobico del plasma freddo, igienizza le mani. Attualmente, a livello italiano, è un’innovazione e rappresenta una valida alternativa a tutti i metodi di sanificazione mani che conosciamo: gel, spray, lavarsi le mani.

La particolarità di GLOW sta nella rapidità e semplicità di utilizzo: basta introdurre le mani e il dispositivo farà tutto da solo in pochi secondi, senza rischi, né inconvenienti per chi lo usa e senza produzione di scarti da smaltire. Inoltre, ha un peso di 3 kg e funziona a corrente, con un consumo minimo tra i 20-30 W in funzione e 0.5W in stand-by.

Testato presso i laboratori di Medicina Molecolare dell’Università di Padova, centro di ricerca in prima linea nel combattere la diffusione del Covid19, assicura una disinfezione da virus, funghi e batteri al 99,9%. GLOW non ha pulsanti di accensione e non richiede nessun tipo di installazione, basta solo la corrente elettrica per farlo funzionare.

In questa sua versione per l’igienizzazione delle mani, Glow è stato pensato con due compartimenti isolati l’uno dall’altro. In uno avviene il processo della ionizzazione e quindi viene generato il gas ionizzato, nell’altro, invece, avviene la sanificazione delle mani introducendole, in sicurezza.

Le caratteristiche di GLOW

GLOW-come-funziona

Una delle qualità di GLOW è quella di essere 100% made in Italy. Dal concept, allo sviluppo, fino alle certificazioni, si tratta di un prodotto tutto italiano.

In linea con le normative vigenti, in termini di prodotti elettrici, Glow è stato pensato, progettato e prodotto in stabilimenti e laboratori del nostro Paese. Ecco alcune delle sue caratteristiche e specifiche tecniche:

  • Testato presso i laboratori di Medicina Molecolare dell’Università di Padova,
  • Depositato il brevetto industriale innovativo e tecnologico presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi
  • Marchiato CE: Prodotti conformi in ogni singolo processo di produzione e lavorazione alle direttive Europee
  • Testato con prove di compatibilità elettromagnetica (EMC)
  • Conforme alla direttiva low voltage directive (LVD)

Nel prossimo paragrafo vedremo i vantaggi di Glow, il primo dispositivo al plasma freddo per l’igienizzazione delle mani.

Vieni a scoprire Glow, il dispositivo HT Plasma che igienizza le mani con il plasma freddo. Guarda come può essere utile a te ed alla tua attività.

GLOW per l’igienizzazione delle mani: perché è importante?

In questi mesi afflitti dal COVID-19, l’igienizzazione delle mani è stata una misura di prevenzione preziosa. Abbiamo già parlato negli scorsi articoli, di come la questione pandemia ha influito sull’ambiente e di come, tali alterazioni, non possono lasciarci tranquilli sulla comparsa di altre epidemie, in futuro.

Ecco perché, ormai da almeno due anni, ogni locale pubblico prevede dei metodi di sanificazione delle mani: quasi sempre gel o colonnine igienizzanti automatiche.

Nonostante dimostri un ruolo benefico nel controllo e nella prevenzione del COVID-19, sussistono preoccupazioni cruciali per quanto riguarda l’uso su larga scala di disinfettanti e disinfestanti, compresi gli effetti collaterali sulla salute umana e animale insieme agli impatti nocivi esercitati sull’ambiente e sull’equilibrio ecologico.

(fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8122186/)

In alcuni casi, infatti, queste soluzioni possono avere delle controindicazioni:

  • Arrossamenti ed irritazione delle mani su pelli delicate come quelle di anziani e bambini
  • Non sono garanzia di sanificazione per tempi e modi poco chiari di sfregamento delle mani
  • Spreco di materiale in molti casi
  • Problemi ambientali legati allo smaltimento della plastica dei contenitori

Tutti problemi che un dispositivo come GLOW non prevede. Infatti, il dispositivo commercializzato da HT Plasma è efficace e sostenibile.

L’igienizzazione è garantita, perché i led di GLOW indicano quando è possibile estrarre le mani, sicuri di aver eseguito la corretta procedure. Questo permette di non avere sprechi inutili di materiale o di energia elettrica.

Glow è un dispositivo a impatto ambientale nullo: non produce scarti e non bisogna smaltire nulla per il suo funzionamento. Non ha, pertanto, alcuna spesa ricorsiva. Inoltre, come detto, è realizzato con materiali riciclati.

Nei prossimi articoli, vedremo come GLOW può essere utile alla tua attività.

Torna su